Brevi cenni sulla Basilica di Maria SS. Delle Grazie che ospita la mostra

Il santuario mariano intitolato a Maria Santissima delle Grazie, localmente identificato con la sola parola di “Basilica”, venne edificato intorno alla Porta San Lorenzo, una delle quattro porte d’ingresso lungo le mura, orientata in direzione di Siena e decorata nella sua facciata esterna da un’immagine affrescata di Madonna col Bambino e Santi. All’immagine della Porta Senese ricorse, durante lapeste del 1478, un’anziana sangiovannese chiamata Monna Tancia, pregandola di salvare il nipote Lorenzo, rimasto orfano, che nessuna balia voleva allattare per paura del morbo. Le sue preghiere furono esaudite e durante la notte Monna Tancia vide sgorgare dal proprio seno il latte per sfamare il bambino. La fama del prodigio che continuò per molti mesi, si diffuse oltre l’ambito locale. Il luogo perse man mano l’identità di Porta cittadina, e venne munito prima di un tabernacolo ligneo, poi di una cappella sopraelevata per divenire un vero e proprio oratorio dal 1484. La chiesa edificata quindi sopra la porta e intorno all’affresco fu conclusa negli anni venti del XVI secolo, ma continuamente arricchita da nuovi contributi decorativi dovuti alla devozione popolare offre uno spaccato di evoluzioni artistiche dal Rinascimento a tutto il Novecento.

Design by NextOpen
Comune di San Giovanni Valdarno Pro Loco di San Giovanni Valdarno Ente Basilica di Maria SS.ma delle Grazie